Tempo di scuola

tempo di scuolaLa scuola stà per iniziare, e i ritmi sono quasi tornati alla normalità dopo la pausa estiva, ma com’è in realtà l’attuale sistema scolastico ?

In questo tempo che viene definito di crisi, da una parte c’è la nuova riforma della scuola che certo non conduce al miglioramento, ma unicamente al risparmio finanziario, dall’altra si dibatte su come educare i propri figli, e cosa è meglio per loro.

Gli studenti di oggi sono bambini attivi, alcuni di loro vengono definiti iperattivi, si pensa che abbiano dei problemi mentali e viene loro diagnosticato un ADD (Attention Deficit Disorder, ovvero “disordini per mancanza di attenzione”), perché pare abbiano problemi con la concentrazione su un soggetto determinato. Ma in realtà non sono i bambini ad avere disturbi: si può dire piuttosto, che è il mondo in cui vivono ad essere disturbato.

I primi disagi si manifestano alle sin dalle  elementari. Ormai quasi tutti i bambini, fanno fatica a inserirsi a scuola, dove esistono regole che non sono in linea con la loro trasformazione. Loro hanno capacità tattili, sentono il  bisogno di toccare, mentre la tattilità è un senso che la nostra civiltà nega, perché è moralmente sbagliato. Invece questi bambini, usano il tatto come noi l’udito e la vista. Come si può pensare che l’attuale sistema scolastico sia adatto a loro ? La capacità di apprendimento di questi bambini non è più quella di una volta dove l’alfabetizzazione era lineare, (destra/sinistra, su/giù); la mente dei bambini nati oggi lavora come uno scanner, ha costruzioni a blocchi, loro vedono e sentono per immagini, colori, fotogrammi. Molti insegnanti non sono in grado di capire questi nuovi bambini e tendono a normalizzare, appiattire, schiacciare, far stare tutto dentro righe e quadretti. Quello che mi lascia perplessa, è il fatto che il sistema educativo attuale, giudica questi bambini difficili ma non hanno affatto realizzato che in realtà sono bambini molto intelligenti.

Cosa fa la scuola in concreto per rinnovarsi ?

E’ necessario autoeducarsi, per rinvigorire la nostra spenta fantasia, in modo da essere all’altezza dei nostri compiti e in primo luogo sapendo che per educare altri bisogna educare prima se stessi. Ma questo non risulta tanto gradito, poiché è scomodo, ad una certa età, ricominciare da capo ed educarsi “a nuovo”.

L’educazione dei ragazzi del XXI secolo, richiede una nuova visione.

Abbiamo bisogno di capire a fondo l’esistenza umana, per praticare una pedagogia reale e globale, che sia al servizio dell’umanità del nuovo millennio. Inizialmente è necessario educare i genitori ai nuovi insegnamenti i quali poi li diffonderanno ai figli, poi preparare gli educatori del nuovo secolo, che sicuramente saranno in grado di guidare l’essere umano in via di sviluppo, offrendo il dono della “disciplina interiore”.  Si arriverà ad educare  rispettando i singoli individui, le proprie inclinazioni e i talenti personali.

Con l’intuito e con la saggezza, aiuteremo bambini di carattere a diventare individui responsabili, motivati e ricchi di risorse.

Dobbiamo insegnare ai nostri bambini “come ” si pensa e non “cosa ” pensare, troppo abituati a imparare anziché sentire.

Il nostro ruolo non è tanto quello di trasmettere “conoscenza” quanto “saggezza”.

Oggi ci sono nuovi bambini, ma i sistemi didattici ed educativi sono primitivi.

Come possiamo pensare di farli crescere obbligandoli a seguire una serie di regole bigotte e inappropriate? Si utilizzano ancora quelle con cui siamo stati educati noi.

Dobbiamo allora adattarci presto a questa nuova nascita di bambini iniziando a pensare ad una scuola adatta a loro, alla nuova generazione, per un futuro diverso, un futuro migliore.

“Tu, dunque, che insegni a qualcun altro, non insegni a te stesso? Romani 2:21

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...